Bqq, Egg : abbiamo provato i nuovi panini firmati da Joe Bastianich

Gli hamburger migliori di sempre?
Il severissimo giudice di Masterchef firma la linea di burger premium “my selection”.
Per quanto se n’ è detto,  parlato,  scritto e vociferato, tutta la lista di ingredienti DOP potrebbe essere di qualsiasi tipologia, tanto all’assemblaggio prende tutto il classico sapore di junk food. 

Ma partiamo dal My selection Egg, sinceramente l’aspettativa del gusto era abbastanza alta.
Sapendo della presenza dell’uovo fresco italiano, mi sarei aspettato il tuorlo grondante su un hamburger ricco di cheddar morbido e filante, insieme alla salsa ranch e ai cetrioli.
La mia fantasia viene subito stroncata dalla realtà, la carne è stracotta ,non chiedevo una cottura al sangue ma è secca e rasente la bruciatura , ad ogni morso devo masticare con lentezza e svogliatezza, in pratica devo ruminare per buttarlo giù. L’uovo è stracotto ed insapore, uguale  la salsa ranch molto più simile ad una maionnaise che sa di cetriolo; l’immancabile bacon è ridotto ad una striscetta sottile che si perde nell’immenso verdeggiare di una gigante foglia di insalata. Ahh … adesso pensandoci capisco il perchè del tanto verde, probabilmente aiuta lo stomaco a digerire l’ammasso !!  Anche se il pane con i semi di papavero non è male,il risultato ahimè è un panino secco e sciapo.

Per quanto riguarda il BBQ, la situazione risulta poco peggio del precendente in quanto a sapore: la carne,anche se proveniente da allevamenti italiani ( non è sinonimo di garanzia) non giustifica la cottura fino all’irrigidimento ( a tacco di flamenco) della stessa. La particolarità di questo panino è la cipolla rossa di tropea, di… Tropea… ma dov è? Poche tracce di una cipolla trita si perdono nel sapiente impiego della sala bbq , così cara agli americani. L’insalata coleslaw quasi non si sente e la sola morbidezza del formaggio la copre.
Insomma, poco sapore a parte, i sogni si sono infranti ancor prima di chiudere gli occhi e pensare di poter godere.
Magra consolazione, il resto del menu composto da patatine salatissime che però rendono la cola dolce e sciacquata un’ acqua di sorgente.

Se per questi due panini l’assaggio ha lasciato insoddisfazione e una tasca vuota di 17E per due menu medi,  per il chicken sono contento di lasciarvi scoprire quanto gourmet riesca ad essere la classica catena di fast food che ancora oggi tutto riesce a darvi , tranne che il piacere di mangiare una cosa buona !!
Joe mi stai DILUSO DI DILUDENDO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *