Cromoterapia: quanto sono importanti i colori nella nostra alimentazione?

Quanto sono importanti i colori nella nostra alimentazione? Più di quanto possiamo immaginare ! Ogni colore corrisponde infatti a delle specifiche proprietà nutritive di cui ha bisogno il nostro organismo e che giovano generosamente ad esso.

Gli alimenti di colore rosso sono ricchi di licopene, antocianine e carotenoidi, sostanze antiossidanti e capaci di prevenire tumori e patologie cardiovascolari, proteggendo anche il tessuto epiteliale.
Sono inoltre ricchi di vitamina C, che favorisce la produzione di collagene, stimola le difese immunitarie, rafforza i vasi sanguigni ed è responsabile del corretto assorbimento del ferro.
 Recenti ricerche dell’Università di Basilea hanno dimostrato che frutta e verdura rosse possono addirittura agire sulla nostra fame, inducendoci a mangiare con misura perché inconsciamente assoceremmo questa tonalità a segnali di pericolo. La nostra mente quindi lo vedrebbe come un “freno” portandoci a fermarci prima di esagerare.

Frutta e verdura di colore verde sono ricche di clorofilla e di acido folico fondamentali per la sintesi di proteine e DNA. Sono inoltre un'ottima fonte di carotenoidi, magnesio, vitamina C e luteina, tutte sostanze che aiutano l’organismo a difendersi da virus e tossine. Mentre la clorofilla, che conferisce la tonalità verde a questi alimenti (esattamente come succede con le piante) ha una potente azione antiossidante, l’acido folico è una vitamina che non può mancare nella dieta di adulti e bambini perché aiuta a prevenire malattie tromboemboliche e stimola la produzione di globuli rossi (in gravidanza invece è utilissimo per prevenire difetti cardiovascolari del bambino ed eventuali malformazioni di labbra, palato ed arti). La frutta e la verdura di questo colore hanno ancora moltissimo magnesio, un minerale che, tra gli altri benefici, favorisce il metabolismo di carboidrati e proteine, e agevola l’assorbimento di calcio, fosforo e potassio. I benefici della luteina, altro filocomposto abbondante negli alimenti di questo colore, sono invece quelli di migliorare attenzione, concentrazione e memoria, effetti che possono essere amplificati se associati a una corretta attività fisica. 
Secondo alcuni studi condotti da ricercatori dell’Università di Berna, la percezione delle diverse sfumature di questa tonalità avrebbe effetti rasserenanti sulle persone, riducendo i livelli di stress. 
I cibi di colore verde sono: asparagi, basilico, biete, broccoli, cavoli, carciofi, insalata, rucola, prezzemolo, spinaci, zucchine, uva bianca, kiwi, mele, piselli, fave, insalata, avocado.

Gli alimenti dalle tonalità bluastre o violacee sono ricchissimi di antiossidanti, utili per una corretta funzione del cuore, abbassano la pressione, riducono il colesterolo e combattono i radicali liberi.
Sono poi considerati tra i migliori alleati per la protezione della vista e del sistema cardiocircolatorio.
Questi cibi sono ricchi di sostanze come: le antocianine, che svolgono un’azione antiossidante e difendono da patologie

cardiovascolari; la vitamina C, fondamentale per la formazione di collagene; il beta carotene, precursore della vitamina A; il potassio che combatte l’ipertensione e protegge il tessuto osseo; e il magnesio, che rafforza la salute di ossa e denti. Nella maggior parte dei casi, la frutta e la verdura di colore viola sono povere di calorie e sono quindi adatte a chi vuole adottare una dieta ipocalorica senza

rinunciare ai nutrienti di cui l’organismo ha bisogno. Secondo uno studio condotto dall’Università di Rochester, gli alimenti di questo tipo ridurebbero la fame perchè appaiono alla vista meno appetitosi; la spiegazione starebbe nel fatto che in passato l’uomo associava prevalentemente questa tonalità agli alimenti considerati velenosi.
I cibi di colore viola (o blu) sono: more, mirtilli, ribes, prugne, uva scura, cavolfiori, radicchio, barbabietole, melanzane, carote.

Come gli alimenti rossi, la frutta e la verdura di colore giallo-arancio aiutano a prevenire i tumori, le patologie cardiovascolari e l’invecchiamento cellulare, potenziando anche la vista. Questo grazie ai flavonoidi, che neutralizzano la formazione dei radicali liberi e svolgono una funzione antiossidante. Alto è anche il contenuto di beta carotene e vitamina C, che svolge funzioni importanti, stimolando il mantenimento del trofismo dei tessuti, la produzione del collagene, il rinforzo delle difese immunitarie e l’effetto depurativo su tutto l’organismo. Le antocianine, come già detto per cibi di altre tonalità, svolgono un’azione antinfiammatoria e anticoagulante, mentre il potassio rinforza le ossa e combatte l’ipertensione. Infine, elevata è anche la quantità di acido folico presente in questi alimenti che, oltre a ridurre il rischio di infarto e ictus, interviene nella formazione di globuli rossi, abbassando il rischio di anemia. 
Il colore giallo, secondo una ricerca dell’Università di Parma e pubblicata sulla rivista Appetite, quando portato in tavola avrebbe il potere di stimolare l’appetito, poiché trasmette serenità ed allegria. I cibi di colore giallo (o arancione) sono: limoni, pompelmi, peperoni, ananas, mele, prugne, mais, patate, fagiolini, arance, carote, zucca, mandarini, pesche, mango, albicocche.

Il bianco viene considerato simbolicamente il colore della speranza e della fiducia verso il futuro, della semplicità e della depurazione, caratteristiche che si riflettono anche nelle proprietà nutritive e nei benefici che dai cibi di questo colore si possono trarre. Gli alimenti bianchi, infatti, garantiscono un apporto di polifenoli, flavonoidi, composti solforati, potassio, vitamina C e selenio. Questo significa che hanno forti capacità depurative, antiossidanti e antinvecchiamento. Le fibre e i sali minerali prevengono dal rischio di tumori, trombosi e malattie cardiovascolari. Inoltre rinforzano il tessuto osseo, i polmoni e l’apparato digerente. Da segnalare, infine la grande presenza in questi alimenti della quercetina, un flavonoide (antiossidante) che contrasta l'invecchiamento cellulare causato dai radicali liberi presenti nel sangue, e del potassio, minerale che favorisce il corretto funzionamento di cuore e muscoli, aiuta a trasmettere gli impulsi nervosi e a controllare la pressione arteriosa.
 Cibi di colore bianco sono: finocchi, banane, aglio, cetrioli, funghi, indivia belga, cavolfiori, cipolle, sedani, porri, pere, cavoli, ma anche latte, riso, farine (e carboidrati in generale, meglio se integrali).

Grazie allo stretto legame tra colori e sana alimentazione, adulti e bambini possono sentirsi stimolati a mangiare bene e a creare !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *